Il Sacco di Otranto

Il Sacco di Otranto

Otranto la Porta d'Oriente   Otranto the Door of East   Otranto   Otranto   Guide de Voyage de la Ville d'Otrante


Scuola d'Italiano per Stranieri

Il 28 luglio 1480, un'armata turca proveniente da Valona forte di 90 galee, 40 galeotte ed altre navi, per un totale di circa 150 imbarcazioni e 18.000 soldati, si presentò sotto le mura di Otranto.

La città resistette strenuamente agli attacchi, ma la sua popolazione di soli 6.000 abitanti non poté opporsi a lungo ai bombardamenti. Infatti, il 29 luglio la guarnigione e tutti gli abitanti abbandonarono il borgo nelle mani dei Turchi, ritirandosi nella cittadella mentre questi ultimi cominciavano le loro razzie anche nei casali vicini.

Quando Gedik Ahmed Pasha chiese la resa ai difensori, questi si rifiutarono ed in risposta le artiglierie turche ripresero il bombardamento. L’11 agosto, dopo 15 giorni d’assedio, Gedik Ahmed Pasha ordinò l’attacco finale durante il quale riuscì a sfondare le difese e ad espugnare anche il castello.

Reliquie dei Martiri conservate nella Cattedrale
Reliquie dei Martiri conservate nella Cattedrale

Nel massacro che ne seguì, tutti i maschi di oltre quindici anni furono uccisi, mentre le donne e i bambini furono ridotti in schiavitù. Secondo alcune ricostruzioni storiche, i morti furono in totale 12.000 e i ridotti in schiavitù 5.000, ma le dimensioni della città non giustificano queste stime.

I superstiti e il clero si erano rifugiati nella cattedrale a pregare con l’arcivescovo Stefano Agricoli. Gedik Ahmed Pasha ordinò loro di rinnegare la fede cristiana, ma ricevendone un netto rifiuto, irruppe con i suoi uomini nella cattedrale e li catturò. Furono quindi tutti uccisi, mentre la chiesa, in segno di spregio, fu ridotta a stalla per i cavalli.
Particolarmente barbara fu l’uccisione dell'anziano arcivescovo Stefano Agricoli, il quale incitò i superstiti a rivolgersi a Dio in punto di morte. Fu infatti sciabolato e fatto a pezzi con le scimitarre, mentre il suo capo mozzato fu infilzato su una picca e portato per le vie della città. Il comandante della guarnigione Francesco Largo venne invece segato vivo.

A capo degli Otrantini che il 12 agosto si erano opposti alla conversione all'Islam era anche il vecchio sarto Antonio Pezzulla, detto Il Primaldo.

Il 14 agosto Gedik Ahmed Pasha fece legare i superstiti e li fece trascinare sul vicino colle della Minerva dove ne fece decapitare almeno 800 costringendo i parenti ad assistere alle esecuzioni. Il primo ad essere decapitato fu Antonio Primaldo. Durante quel massacro le cronache raccontano che un turco, tal Berlabei, si convertì nel vedere il modo in cui gli otrantini morivano per la loro fede e subì anche lui il martirio impalato dai suoi stessi compagni d'arme.

Tra gli 800 martiri idruntini, si ricorda in particolare la figura di Macario Nachira, colto monaco basiliano, di nobile famiglia di Uggiano la Chiesa, eroicamente morto per la fede.

In soccorso di Otranto il re di Napoli Ferdinando I mandò un'armata con a capo il conte di Conversano Giulio Antonio Acquaviva, il quale dopo tredici mesi di assedio, sconfisse i turchi ma rimase vittima di un agguato ordito a suo danno da un ultimo drappello nemico.

Un processo canonico iniziato nel 1539 terminò il 14 dicembre 1771, allorché papa Clemente XIV dichiarò Beati gli 800 trucidati sul colle della Minerva, autorizzandone il culto. Da allora essi sono protettori di Otranto. In vista di una possibile canonizzazione, su richiesta dell'Arcidiocesi di Otranto, il processo è stato recentemente riaperto, confermando in pieno le conclusioni del precedente. Papa Benedetto XVI, il 6 luglio 2007, ha emanato un decreto in cui riconosce il martirio di Antonio Primaldo e dei suoi concittadini uccisi "in odio alla fede".

Il papa Francesco il 12 maggio 2013 in Piazza San Pietro con una solenne cerimonia di canonizzazione ha elevato agli onori degli altari gli 800 Martiri di Otranto, con il titolo di Antonio Primaldo e compagni.














Visitatori







HOTEL LA PUNTA

VISITE GUIDATE

IDRUSA

SACCO DI OTRANTO

MARTIRI OTRANTO

LA VIA FRANCIGENA





La forma attiva e passiva del verbo - La grammatica italiana ... | La forma attiva e passiva del verbo | altervista | 16.03.2016 - Il verbo è di forma attiva quando il soggetto compie l'azione. Esempi. ... Ero visto: modo indicativo, tempo imperfetto, forma passiva. Sarò visto: ... | saremo o saremmo | saremo o saremmo??? Potevi dirlo che ieri c'era la festa, non ci ... | Saremo o saremmo??? Potevi dirlo che ieri c'era la festa, non ci saremo o saremmo visti? | Saremo o saremmo??? Potevi dirlo che ieri c'era la festa, non ci saremo o saremmo visti? | Cruscate | Cruscate :: Filone - Saremo o saremmo? - Achyra | achyra | 20 apr 2014 - 7 post - ‎4 autori Ho dei problemi con la seguente frase: "Abbassate i toni, altrimenti saremo/saremmo costretti a provvedere!" Futuro semplice o condizionale ... | forma passiva del verbo sentire | NS - Italiano Coniugazione del verbo: sentire - frasi dai ... | nihilscio | sentire : sento - sentivo - sentirai - sentii - Modi - Tempi - Ausiliare - Forma - Conjugation of Italian verbs - Coniugatore italiano - esempi. | Italiano | saremo o saremmo | Forbidden
Ritorna alla Pagina Precedente Stampa questa Pagina Invia questa Pagina ad un Amico